della complessità come corazza

la mia posizione temporale è vivere proiettato in un futuro prossimo in cui gli aspetti più insignificanti della tua vita vengono passati in rassegna da un investigatore ottuso. perché sì, il mio poliziotto interiore è ottuso. gli mancano le basi per capire le cose che faccio. o forse sono anche io che gioco a complicarmi la vita per ingannarlo. forse se invece smettessi di sognare quel sogno. questo incubo non mio. potrei anche dedicarmi a cose più semplici e sarebbe tutto guadagno.

0 comments ↓

There are no comments yet...Kick things off by filling out the form below.

Leave a Comment